Come il brutto anatroccolo diventa un maestoso cigno, così da un pò di farina e zucchero, puoi creare delizie per gli occhi e per il palato.



venerdì

Pulece e monaco

Questi dolcetti fanno parte della pasticceria natalizia della Campania

DSCF2425

http://www.francescav.com/2007/11/natale-2007/

ingredienti:

  • 500 gr di farina 00
  • 400 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 10 gr di cacao
  • 10 gr di lievito per dolci in polvere
  • 1 piz. di cannella
  • 1 cucchiaino di miele

per la glassa:

  • 100 gr di cioccolato fondente
  • 100 gr di fondente di zucchero
  • confettini colorati

Impastare tutti gli ingredienti, amalgamarli per bene, fare tante palline grandi quanto una nocciola, porli su di una teglia ricoperta di carta forno, infornare a 180°. 10-15 minuti, anche se risultano morbidi, vedrete che si asciugheranno di più mentre si raffreddano. In un pentolino sciogliere con un pò d'acqua il fondente di zucchero, mettervi poi, il cioccolato e far sciogliere anch'esso. immergere i dolcetti e porli in un vassoio, spolverate con confettini colorati.


4 commenti:

Francesca ha detto...

a cosa si riferisce il nome di questi ottimi dolcetti?

Francesca

Vera ha detto...

A saperlo! :)

Carmen, quest'anno li preraro di nuovo, con una ricetta più simile alla tua! :)

Carmen ha detto...

Francesca: sinceramente nn so da piccola li ho sempre sentiti nominare così, si vede che i monaci si lavavano poco?:))
e in rete nn esiste la ricetta.
Vera: questa versione è più morbida degli originali e i tatù che menzioni nel tuo blog sono di origine abruzzesi ed è fatto con le mandorle, nei nostri nn cè proprio.

elisabetta ha detto...

Ciao Carmen!!!Complimenti per lo splendido blog e scusami per il ritardo!Ho già adocchiato questa ricetta classica che è introvabile.Adoro questo pasticcino un pò scomparso dalle pasticcerie,almeno qui.E